Naples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe PDF

Naples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street names
Naples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street namesNaples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe Illustrator, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street names

$ 43.00

PDF map Naples / Napoli, Italy, printable vector street  map City Plan, full editable, Adobe PDF, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street names, 9 mb ZIP
All streets, All buildings.
Map for design, print, arts, projects, presentations, for architects, designers and builders.
You can edit this file by Adobe Illustrator, Adobe Acrobat, Corel Draw.
The most accurate and detailed map of the city.

Instant Download Your Map Archive after the payment

Secure buy PayPal Verified

secure buy vector map

Product Description

Naples / Napoli, Italy, printable vector street map City Plan, full editable, Adobe PDF, Royalty free, full vector, scalable, editable, text format street names, 9 Mb ZIP.
All streets, All buildings.
Map for design, print, arts, projects, presentations, for architects, designers and builders.
You can edit this file by Adobe Illustrator, Adobe Acrobat, Corel Draw.
The most accurate and detailed map of the city.
DXF, DWG, CDR and other formats - on request, same price, please contact us.

Naples / Napoli, Italia, stampabile mappa vettore via Piano Città, piena modificabile, Adobe PDF, Diritti, vettore completo, i nomi delle strade in formato testo modificabile scalabili, 9 MB zip
Tutte le strade, tutti gli edifici.
Mappa per la progettazione, la stampa, le arti, i progetti, le presentazioni, per architetti, progettisti e costruttori.
DXF, DWG, CDR e altri formati - a richiesta, lo stesso prezzo, si prega di contattare 

See more Italian cities vector maps for printing, editable
For example: Printable City plan map of Rome Italy

Napoli/Naples vector map, Italy

Vector map of Bologna (Italy, Europe) Atlas 25 parts

Florentia / Florence / Firenze vector map, Italy

Detailed vector map of Milano (Italy) Atlas 49 parts

Naples,Italian: Napoli, Neapolitan: Napule or; Latin: Neapolis; Ancient Greek: Νεάπολις, meaning "new city" is the capital of the Italian region Campania and the third-largest municipality in Italy, after Rome and Milan. In 2015, around 975,260 people lived within the city's administrative limits. The Metropolitan City of Naples had a population of 3,115,320. Naples is the 9th-most populous urban area in the European Union with a population of between 3 million and 3.7 million. About 4.4 million people live in the Naples metropolitan area, one of the largest metropolises on the Mediterranean Sea.

Naples is one of the oldest continuously inhabited cities in the world. Bronze Age Greek settlements were established in the Naples area in the second millennium BC. A larger colony – initially known as Parthenope, Παρθενόπη – developed on the Island of Megaride around the ninth century BC, at the end of the Greek Dark Ages. The city was refounded[by whom?] as Neápolis in the sixth century BC and became a lynchpin of Magna Graecia, playing a key role in the merging of Greek culture into Roman society and eventually becoming a cultural centre of the Roman Republic. Naples remained influential after the fall of the Western Roman Empire, serving as the capital city of the Kingdom of Naples between 1282 and 1816. Thereafter, in union with Sicily, it became the capital of the Two Sicilies until the unification of Italy in 1861.

Naples was the most-bombed Italian city during World War II. Much of the city's 20th-century periphery was constructed under Benito Mussolini's fascist government, and during reconstruction efforts after World War II. In recent decades, Naples has constructed a large business district, the Centro Direzionale, and has developed an advanced transport infrastructure, including an Alta Velocità high-speed rail link to Rome and Salerno, and an expanded subway network, which is planned to eventually cover half of the region. The city has experienced significant economic growth in recent decades, and unemployment levels in the city and surrounding Campania have decreased since 1999. However, Naples still suffers from political and economic corruption, and unemployment levels remain high.

Naples has the fourth-largest urban economy in Italy, after Milan, Rome and Turin. It is the world's 103rd-richest city by purchasing power, with an estimated 2011 GDP of US$83.6 billion. The port of Naples is one of the most important in Europe, and has the world's second-highest level of passenger flow, after the port of Hong Kong. Numerous major Italian companies, such as MSC Cruises Italy S.p.A, are headquartered in Naples street map. The city also hosts NATO's Allied Joint Force Command Naples, the SRM Institution for Economic Research and the OPE Company and Study Centre. Naples is a full member of the Eurocities network of European cities. The city was selected to become the headquarters of the European institution ACP/UE and was named a City of Literature by UNESCO's Creative Cities Network. The Villa Rosebery, one of the three official residences of the President of Italy, is located in the city's Posillipo district.

Naples' historic city centre is the largest in Europe, covering 1,700 hectares (4,200 acres) and enclosing 27 centuries of history, and is listed by UNESCO as a World Heritage Site. Naples has long been a major cultural centre with a global sphere of influence, particularly during the Renaissance and Enlightenment eras. In the immediate vicinity of Naples are numerous culturally and historically significant sites, including the Palace of Caserta and the Roman ruins of Pompeii and Herculaneum. Culinarily, Naples street plan is synonymous with pizza, which originated in the city. Neapolitan music has furthermore been highly influential, credited with the invention of the romantic guitar and the mandolin, as well as notable contributions to opera and folk standards. Popular characters and historical figures who have come to symbolise the city include Januarius, the patron saint of Naples, the comic figure Pulcinella, and the Sirens from the Greek epic poem the Odyssey. According to CNN, the metro stop "Toledo" is the most beautiful in Europe and it won also the LEAF Award '2013 as "Public building of the year". Naples is the Italian city with the highest number of accredited stars from the Michelin Guide.

Naples' sports scene is dominated by football and Serie A club S.S.C. Napoli, two-time Italian champions and winner of European trophies, who play at the San Paolo Stadium in the south-west of the city.

Geography of Naples

The city is situated on the Gulf of Naples, on the western coast of Southern Italy; it rises from sea level to an elevation of 450 metres (1,480 ft). The small rivers which formerly crossed the centre of the city have since been covered over by construction. It lies between two notable volcanic regions, Mount Vesuvius and the Campi Flegrei (en: Phlegraean Fields). The islands of Procida, Capri and Ischia can all be reached from Naples map in vector by hydrofoils and ferries. Sorrento and the Amalfi Coast are situated south of the city, while the Roman ruins of Pompeii, Herculaneum, Oplontis and Stabiae, which were destroyed in the eruption of Vesuvius in 79 AD, are also visible nearby. The port towns of Pozzuoli and Baia, which were part of the Roman naval facility of Portus Julius, lie to the north of the city.

Quarters Naples
The quarters of Naples.

The thirty quarters (quartieri) of Naples are listed below. For administrative purposes, these thirty neighbourhoods are grouped together into ten governmental community boards.

1. Pianura
2. Bagnoli
3. Posillipo
4. Fuorigrotta
5. Soccavo
6. Chiaiano
7. Arenella
8. Vomero
9. Chiaia
10. San Ferdinando
11. Montecalvario
12. San Giuseppe
13. Avvocata
14. Porto
15. Pendino
16. San Lorenzo
17. Mercato
18. Vicaria
19. Stella
20. San Carlo all'Arena
21. Piscinola-Marianella
22. Scampìa
23. Miano
24. Secondigliano
25. S.Pietro a Patierno
26. Poggioreale
27. Zona Industriale
28. San Giovanni a Teduccio
29. Barra
30. Ponticelli

Source

Napoli, Nàpule in lingua napoletana, pronuncia [ˈnɑːpulə] o [ˈnɑːpələ]) è un comune italiano di 971 849 abitanti, terzo in Italia per popolazione, capoluogo della omonima città metropolitana e della regione Campania, centro di una delle aree urbane più popolose e densamente abitate dell'Unione europea.

Fondata dai Cumani nell'VIII secolo a.C., fu tra le città egemoni della Magna Græcia, grazie al rapporto privilegiato con Atene, ed esercitò una notevole influenza commerciale, culturale e religiosa sulle popolazioni italiche circostanti tanto da diventare il centro della filosofia epicurea in Italia. Dopo il crollo dell'Impero romano, nell'VIII secolo la città formò un ducato autonomo indipendente dall'Impero bizantino; in seguito, dal XIII secolo e per circa seicento anni, fu capitale del regno di Napoli. Divenuta capitale del Regno delle Due Sicilie sotto i Borbone, ebbe un periodo di sviluppo socioeconomico culminato in una serie di primati civili e tecnologici tra cui la costruzione della prima ferrovia in Italia. Dopo l'annessione al Regno d'Italia soffrì di un sensibile declino esteso anche a tutto il sud Italia. Per motivi storici, artistici, politici ed ambientali è stata, dal IX secolo fino ad oggi, tra i principali centri di riferimento culturale d'Europa.

Sede della Federico II, la più antica università statale d'Europa, ospita altresì l'Orientale, la più antica università di studi sinologici ed orientalistici del continente e la Nunziatella, una delle più antiche accademie militari al mondo, eletta patrimonio storico e culturale dei Paesi del Mediterraneo da parte dell'Assemblea parlamentare del Mediterraneo. Luogo d'origine della lingua napoletana, ha esercitato ed esercita un forte ruolo in numerosi campi del sapere, della cultura e dell'immaginario collettivo a livello nazionale ed internazionale.

Punto focale dell'Umanesimo attraverso l'Accademia Pontaniana, centro della filosofia naturalistica del rinascimento, culla dell'illuminismo in Italia, è stata lungamente un punto di riferimento globale per la musica classica e l'opera attraverso la scuola musicale napoletana, dando tra l'altro origine all'opera buffa. Città dall'imponente tradizione nel campo delle arti figurative, che affonda le proprie radici nell'età classica, ha dato luogo a movimenti architettonici e pittorici originali, quali il rinascimento e il barocco napoletano, il caravaggismo, la scuola di Posillipo ed il Liberty napoletano, nonché ad arti minori ma di rilevanza internazionale, quali la porcellana di Capodimonte ed il presepe napoletano. È all'origine di una forma distintiva di teatro, di una canzone di fama mondiale e di una peculiare tradizione culinaria che comprende alimenti che assumono il ruolo di icone globali, come la pizza napoletana.

Nel 1995 il centro storico di Napoli mappa vettoriale, il più vasto d'Europa, è stato riconosciuto dall'UNESCO come patrimonio mondiale dell'umanità. Nel 1997 l'apparato vulcanico Somma-Vesuvio è stato eletto dalla stessa agenzia internazionale (con il vicino Miglio d'Oro, in cui ricadono anche i quartieri napoletani di San Giovanni a Teduccio, Barra e Ponticelli) tra le riserve mondiali della biosfera.

Territorio Napoli

Napoli sorge quasi al centro dell'omonimo golfo, dominato dal massiccio vulcanico Vesuvio e delimitato ad est dalla penisola sorrentina con Punta Campanella, ad ovest dai Campi Flegrei con Monte di Procida, a nord ovest-est dal versante meridionale della piana campana che si estende dal lago Patria al nolano.

La città storica è andata sviluppandosi prevalentemente sulla costa. Il territorio di Napoli è composto prevalentemente da colline (molti di questi rilievi superano i 150 metri d'altezza per giungere fino ai 452 m della collina dei Camaldoli), ma anche da isole, insenature e penisole a strapiombo sul Mar Tirreno.

Il territorio urbano, limitato a occidente dal complesso vulcanico a crateri multipli dei Campi Flegrei, ed a oriente dal Somma-Vesuvio, ha una storia geologicamente complessa. Il substrato su cui poggia la città ha origine eminentemente vulcanica, ed è il prodotto di una serie di eruzioni dei due complessi. Per quanto riguarda il gruppo dei Campi Flegrei, avvenute nel tardo Pliocene o inizio Quaternario. I diversi autori distinguono tre periodi di attività, denominati Archiflegreo, ciclo antico (che portò alla formazione del caratteristico tufo giallo napoletano) e ciclo recente dei Campi Flegrei.

I materiali vulcanici costituiscono l'unica fonte litogenetica dell'area, dato che anche i depositi alluvionali, o quelli provenienti da ambiente di spiaggia, non sono altro che il risultato del rimaneggiamento delle rocce eruttive. Da un punto di vista strettamente petrografico, i materiali possono essere classificati nei tre macrogruppi: lave, materiali piroclastici lapidei e materiali piroclastici sciolti. Le lave possono essere grossolanamente suddivise in lave di origine flegrea e lave di origine vesuviana; i piroclasti lapidei comprendono tufo grigio campano, piperno, tufo giallo stratificato e tufo giallo caotico; i piroclasti sciolti comprendono invece una serie di elementi di varia origine, che al di là delle distinzioni litogenetiche possono essere classificati in rimaneggiati e non rimaneggiati.

Secondo la classificazione sismica nazionale, Napoli è ubicata in zona 2 (sismicità medio-alta), così come esposto nell'Ordinanza PCM n. 3274 del 20 gennaio 2003.

Source

Small guide: How to work with the vector map?

You can: Mass select objects by type and color - for example, the objects type "building" (they are usually dark gray) - and remove them from the map, if you do not need them in your print or design project. You can also easily change the thickness of lines (streets), just bulk selection the road by the line color.
The streets are separated by type, for example, type "residential road" are usually white with a gray stroke. Highway usually orange with a brown or dark gray stroke.
All objects are divided by types: different types of roads and streets, polygons of buildings, landfills, urban areas, parks and more other.
It is easy to change the font of inscriptions, all or each individually. Also, just can be make and any other manipulation of objects on the vector map in Adobe illustrator format.
Important: All the proportions on the map are true, that is, the relative sizes of the objects are true, because Map is based on an accurate GPS projection, and It transated into the (usual for all) the Mercator projection.
You can easily change the color, stroke and fill of any object on the map, zoom without loss of quality Image Verification.

Select object

select object on vector map

Bulk selection the same objects on the vector map

bulk selection the same objects on the vector map

See the bulk selected objects on the vector map

see the bulk selected objects on the vector map

Bulk delete buildungs from the vector map

Bulk delete buildungs from the vector map

Select residencial road (small street) on the vector map

Select residencial road (small street) on the vector map

Bulk selection the same lines (streets, roads) on the full map

Bulk selection the same lines on the full map

Create fat lines of the streets on the vector maps (bulk action) 1

Create fat lines of the streeta on the vector maps (bulk action) 2

Create fat lines of the streets on the vector maps (bulk action) 2

Create fat lines of the streeta on the vector maps (bulk action) 2

Create fat lines of the streets on the vector maps (bulk action) 3

Create fat lines of the streeta on the vector maps (bulk action) 3

You can easily change the color, stroke and fill of any object on the map, zoom without loss of quality Image Verification. 

Tips & Vector map News

Novità di fine estate: finalmente la demo di ArcGIS Desktop 10 !!! Revisioni e note:

- 14/05/2013 - Pubblicato su Esri ItaliaTV un ottimo video, chiaro e completo, che illustra come scaricare, installare ed attivare la versione demo.

- 31/08/2012 - Da qualche settimana è disponibile la demo della nuovissima versione 10.1, che sostituisce quindi la precedente versione "evaluation". Questo post risulta quindi "superato" per alcune considerazioni, mentre altre - molte altre - mantengono comunque la loro validità. Il link per il download è sempre lo stesso e la demo comprende ora anche il livello "Advanced" (ex ArcInfo). La procedura completa per il download, installazione e attivazione, è molto ben illustrata nelle pagine collegate al link qui sopra... buona valutazione!

- 22/03/2011 - Inserito passaggio relativo all'installazione del Service Pack 1

- 16/12/2010 - Da alcuni giorni è possibile richiedere la demo di ArcGIS Desktop anche dalla home page del sito di Esri Italia. La procedura è un pò diversa rispetto a quanto ho illustrato nell'articolo. Inoltre è previsto l'invio del DVD di installazione invece del download della corrispondente immagine (un file di oltre 3Gb!): i tempi di consegna si allungano ma questa modalità risolve i problemi di chi non possiede un'idonea connessione internet. Per ricevere la demo occorre compilare una form che chiede di segnalare se siete già in contatto con un Business Partner di Esri Italia, non abbiate dubbi: Studio A&T srl !

Cari utenti ArcGIS,

l'estate volge al termine e il periodo è propizio per pubblicare un nuovo post.

In effetti la calma "irreale" di questi giorni mi ha permesso - in attesa della piena ripresa delle attività - di dedicarmi un pò al blog, ultimamente un pò trascurato...

Vorrei però ribadire, come già segnalato in alcuni commenti, che non si tratta di mancanza di entusiasmo o di idee, anzi! Quello che manca davvero è il tempo e la "freschezza" per coltivare - come si deve - questa mia piccola iniziativa...

I lettori più attenti avranno certamente notato che settimana scorsa ho risposto ad una serie di richieste "inevase" e, con l'occasione, ho anche leggermente rivisto e integrato alcuni articoli.  Nel prossimo articolo mi riprometto di evidenziare gli interventi più interessanti, giusto per evitare che passino inosservati...

In questo post, invece, voglio dare precedenza ad una notizia piuttosto importante: finalmente è disponibile la versione dimostrativa di ArcGIS Desktop 10 !!!

Vi ricordo che la versione demo di ArcGIS Desktop prevede le licenze ArcView, ArcEditor e TUTTE le estensioni desktop (3D Analyst, Spatial Analyst, Network Analyst, ecc...). Il software è identico a quello in commercio e può essere utilizzato per ben 60 giorni a decorrere dalla data di attivazione.

 

 

Avrei voluto segnalarvelo prima ma finora sono stato ingannato dalla scritta "The ArcGIS 10 evaluation will be available soon" che campeggia - ancora oggi - nella pagina dedicata alla demo della versione 9.3.1. Poco importa...

Come ben sapete l'estate è stata caratterizzata da molte novità legate alla tecnologia ArcGIS e, ovviamente, la scena è stata monopolizzata dal rilascio, il  29 giugno scorso, della versione 10 ( http://www.esri.com/news/releases/10_2qtr/arcgis10-download.html ).

Nonostante siano trascorsi ben 2 mesi, devo ammettere di non averla ancora utilizzata come "vero" strumento di lavoro - mi riferisco in particolare al mitico ArcView - limitandomi semmai a qualche sporadico utilizzo, legato più ad una curiosità "infantile" - quasi fosse un nuovo gioco - che ad una reale necessità.

I primissimi codici per eseguire il download della nuova versione sono stati inviati da ESRI Italia già nel mese di luglio.  La modalità di  rilascio, infatti, non prevede più (se non su esplicita richiesta) il classico "media kit", sostituito ora con una comoda e rapida (dipende però dalla vostra linea ADSL!) procedura web.

La versione 10 è quindi regolarmente disponibile e non escludo che qualche utente italiano sia già "operativo". Entro settembre quasi tutti gli utenti - intendo quelli coperti da manutenzione - riceveranno i codici personali (ovvero le "credenziali") che abilitano a scaricare ed attivare il software.

I tempi sono quindi maturi per cimentarmi veramente nell'utilizzo di questa nuova ed importante release.

Ma per un articolo dedicato, intendo la classica "prova su strada", mi prendo ancora qualche settimana, per ora mi limito a segnalarvi come scaricare la versione demo di ArcGIS Desktop 10.

Ovviamente, sebbene sia cambiata la versione, valgono ancora tutte le considerazioni generali che avevo espresso nell'articolo del 31 marzo 2010 - uno dei più letti di questo blog: "Quattro buoni motivi per richiedere la demo di ArcGIS Desktop (ArcView, ArcEditor e tutte le estensioni)".

La procedura inizia con l'accesso alla pagina del sito ESRI - vedi precedente figura - raggiungibile al seguente link http://www.esri.com/software/arcgis/arcview/eval/evaluate.html .

Da qui, cliccando sul tasto "Request a Trial", si accede alla form qui sotto che vi chiede di inserire il vostro ESRI GLOBAL ACCOUNT.

 

 

Personalmente lo avevo già attivato tempo fa e quindi, una volta inserito, mi è stata proposta una form già pre-compilata con i miei dati, da integrare però con alcune informazioni aggiuntive (ESRI vuole conoscerci un pochino meglio!).

Ne deriva che il download è consentito solo a chi dispone di un proprio account.

Giusto per fugare qualsiasi dubbio, ricordo a tutti che la procedura per creare un ESRI global account è semplicissima e totalmente "free".

Con riferimento alla precedente figura, è sufficiente cliccare sul  link "Create a new Esri Global Account" e inserire i dati richiesti nella form qui sotto:

 

 

Superato questo step, verrà visualizzata la pagina qui sotto.

Come vedete esiste ancora la possibilità di richiedere un DVD, ma direi di considerarla una procedura d'altri tempi...

 

 

Tenete presente che si tratta dell'immagine del DVD di installazione: in pratica un file compresso con dimensioni superiori ai 3Gb! Serve quindi una linea piuttosto veloce e anche un bel pò di tempo per completare il processo (nel mio caso oltre 4 ore!).

Noterete anche che i tutorials non sono compresi in questo DVD, per averli occorre scaricare un secondo file: altri 2Gb di dati!

Agendo quindi sul tasto "Get Started", verrà mostrata l'immagine qui sotto che informa l'utente circa le due modalità previste per effettuare il download.

La prima, consigliata da ESRI, avviene tramite una utility (ESRI Download Manager) che assicura un miglior controllo del processo e prevede anche - considerata la dimensione dei files - la possibilità di interrompere e/o riprendere la procedura.

La seconda è invece la modalità classica ...

 

 

L'ultima schermata (vedi sotto) riporta le istruzioni princpali per effettuare l'installazione e, soprattutto, il codice "EVA" (evaluation) necessario per attivare il software. Da notare che lo stesso codice sarà inviato anche all'indirizzo di posta associato al vostro ESRI global account.

Cliccando poi sui tasti "download" a fondo pagina, attiverete il processo...

 

 

Come si legge qui sopra, una volta estratta dal file compresso l'immagine del DVD di installazione (ad esempio utilizzando 7-Zip o WinRAR), potrete lanciare manualmente il file esri.exe per visualizzare la form qui sotto.

 

 

Cliccando poi sulla voce "Setup" sul rigo "ArcGIS Desktop", lancerete l'installazione vera e propria, al termine della quale dovrete inserire il codice di attivazione della versione demo.

ATTENZIONE: come ben evidenziato in questa form, l'installazione della versione 10 richiede la rimozione di precedenti versione di ArcGIS. Evitate quindi di installare la demo su un PC "operativo", oppure fatelo utilizzando a tale scopo una macchina virtuale...

Terminata la fase di installazione apparirà - o dovrebbe apparire - il messaggio ArcGIS Desktop 10 has been succesfully installed.

Cliccando poi sul tasto Finish potrete passare alla fase successiva, avviando cioè la procedura di attivazione del software: l'immagine qui sotto mostra appunto la form iniziale. Selezionate la voce ArcEditor (single use) e poi agite sul tasto Authorize now per proseguire...

 

 

Qualora non apparisse la form qui sopra (non si sa mai!), sarà sufficiente avviare l'applicazione ArcGIS Administrator (Start-> Tutti i programmi->ArcGIS) e cliccare sulla voce Desktop.

Stessa procedura nel caso decideste di abbandonare la fase di attivazione - agendo quindi sul tasto Cancel - per procedervi in un secondo momento.

Come ultimo passo - comunque importantissimo - ricordatevi di installare il service pack 1.

L'utilità dei service pack è indiscutibile, in particolare per le versioni - come ArcGIS 10 - "giovani" e molto ricche di novità, migliorie e interventi di base.

Per tutti i dettagli fate riferimento all'articolo del 12 novembre 2010.

Per chiarire eventuali dubbi circa la procedura di installazione, potete consultare la relativa documentazione (Install Guide) oppure - meglio ancora - consultare la pagina ArcGIS Desktop Evaluation Help: qui troverete le risposte (rapide e molto "efficaci") alle domande più comuni.

Se prima di installare la demo volete invece documentarvi sulle tante novità introdotte da questa nuova versione, non avete che l'imbarazzo della scelta: il sito http://www.esri.com/ è infatti ricchissimo di informazioni, tutte - ovviamente - in lingua inglese.

Personalmente ritengo molto utile iniziare dalla guida in linea, raggiungibile al seguente link http://help.arcgis.com/en/arcgisdesktop/10.0/help/index.html . Una "risorsa" che dovrebbe rappresentare il riferimento principale per qualsiasi utente ArcGIS.

Se invece preferite un approccio un pochino più semplice - particolarmente adatto a chi mal sopporta la lingua inglese - vi suggerisco un rapida lettura dell'ultimo post di NicoGIS ( http://nicogis.blogspot.com/2010/08/10-di-nome-e-di-fatto.html ). Il mio collega si è infatti cimentato nella traduzione di un lungo documento che sintetizza tutte le principali caratteristiche della nuova release.

Altre informazioni in lingua italiana sono - ovviamente - disponibili sul sito di Esri Italia.

Come sempre si attendono commenti e considerazioni, a voi la parola!

Saluti

PaoloGIS Source.

Please look at Vector street maps, editable and printable for more information.


Яндекс.Метрика Рейтинг@Mail.ru Free Web Counter
page counter
Last Modified: March 7, 2017 @ 11:22 pm